L’amore quotidiano – Maria Tarditi

“L’amore quotidiano” di Maria Tarditi (maestra di scuola elementare per trentotto anni in Piemonte, sua terra d’origine, dove nacque nel 1928 e morì nel 2017) è un’altra chicca speciale che ho trovato alla fiera del libro di Rivoli.

Lo stile di scrittura è semplice e lineare, fruibile a tutti, potrebbe essere un bel dono per i propri nonni.
Questo romanzo fotografa la realtà umile e modesta dell’Italia del secondo dopoguerra. Mi ha suscitato i ricordi di nostalgica tenerezza che i miei nonni mi hanno regalato con il racconto della loro infanzia e giovinezza in una terra prevalentemente agricola che, con orgoglio, lavorava tenacemente per riprendersi dalla miseria post-bellica.

Continue reading →

Ancora una volta con te – Dustin Thao

Da diversi anni, è una mia piccola tradizione, prima di un lungo viaggio in treno, trascorrere l’attesa nella libreria della stazione e acquistare un libro che mi faccia compagnia.
Avevo più di un’ora di attesa a Milano Centrale, prima di salire sul treno per Venezia, e non riuscivo proprio a decidermi.
C’erano tanti libri belli, ma nessuno era quello giusto.
Alcuni erano troppo grossi e pesanti da portare in giro in uno zainetto già stracolmo, altri erano scritti con un font troppo piccolo, altri ancora erano troppo impegnativi per essere letti in treno verso la meta delle mie vacanze.
Volevo qualcosa di leggero, carino ma non banale, e la copertina di “Ancora una volta con te” mi ha subito catturata.
Lo avevo già visto in alcuni post su Instagram e ho pensato che facesse proprio al caso mio.

Continue reading →

Il destino della guerriera – Laura Novelli

Penso che il genere storico sia uno dei più complicati da scrivere.

Lo “svarione” è sempre dietro l’angolo, il lavoro di documentazione è lungo, spesso complicato, e non è semplice calarsi in una mentalità diversa da quella odierna.

Per questo motivo, pur essendo un genere che amo, capita di rado che io mi immerga tra le pagine di un buon romanzo storico. Peraltro, di solito, mi affido sempre ai soliti autori, che ben conosco, quali Ken Follett e Manfredi.

Continue reading →

Recensione “L’erede di Ethel. Il grande Vallo” a cura di Federico Ingemi

Alcuni mesi fa, sui social, ho scoperto un gruppo di autori che, invece di tirarsi pugnalate a vicenda come troppo spesso ho visto fare in ambito letterario, hanno costruito una meravigliosa realtà, fatta di cooperazione e aiuto reciproco, senza costi nascosti e senza sotterfugi.

Questa bellissima realtà si chiama “Collettivo Scrittori Uniti”, un gruppo di autori coordinato da un direttivo che, senza alcun tipo di guadagno pecuniario, organizza fiere, interviste radio, recensioni stilate da professionisti… Insomma, possiamo definirla una vera e propria opera di volontariato a supporto di tutti quegli autori emergenti che scelgono di sposare la filosofia di sostegno reciproco del collettivo.

Continue reading →

Recensione “Sahràis” su “1001 notti di inchiostro”

Ciao a tutti!
Oggi vorrei condividere con voi la recensione che Sara, di “1001 notti di inchiostro”, ha scritto per “Sahràis – La figlia del mare”.

Chi di voi segue il blog, saprà che ho già collaborato in passato con lei, in occasione dell’uscita di “L’erede di Ethel – Il grande Vallo“.
Sara è una bookblogger eccezionale, precisa e attenta a ogni più piccolo dettaglio.
Collaborare con lei è sempre un piacere e, non di rado, grazie alle sue recensioni, ho scoperto, letto e apprezzato delle piccole perle del fantasy italiano.

Continue reading →

Come vento – Odiblue

Ho scoperto questo libro grazie a Instagram, sulla pagina dell’autrice.

Nonostante una coda di lettura lunghissima e il fatto che “Come vento” è un bel mattoncino da circa 500 pagine, non mi sono lasciata spaventare e mi sono buttata nella lettura di questo fantasy soft venato di romance.

In un paio di settimane, non senza interruzioni date dalla vita reale, sono arrivata alla fine, all’ultima pagina, a uno di quei finali che io adoro ma di cui non posso anticiparvi nulla.

Lo stile di “Come vento” è elaborato, descrittivo e ricco di metafore che raccontano più di mille parole. Ogni cosa è mostrata, mai raccontata.
I riferimenti alla mitologia e all’epica classica arricchiscono la storia e, per analogia, aiutano nella comprensione dei rapporti che intercorrono tra i personaggi, quando ancora il loro passato e la loro personalità sono avvolti nel mistero.

Continue reading →

Gli autori emergenti fanno schifo

Questo post nasce da alcuni messaggi privati che una bookblogger ha voluto rendere pubblici su Instagram.
Senza riportarli nel dettaglio, vi basti sapere che molti bookblogger giustificavano la richiesta di soldi agli emergenti in cambio di recensioni perché “i loro libri fanno schifo e quindi per leggere merda vogliamo essere pagati”.

Ovviamente, gli stessi bookblogger non si sognerebbero mai di chiedere un centesimo alle grandi CE, perché i libri editi da grandi CE, secondo il loro metro di giudizio, sono tutti capolavori letterari.

Ho quindi pensato anch’io di dire la mia.

Continue reading →

Sir Blake nel regno dei Sidhe – Lorenzo Iero

Ho scoperto questo libro fantasy per ragazzi grazie a Instagram e, dopo aver seguito per un po’ la pagina del suo autore, mi sono decisa ad acquistarlo, spinta dai numerosi post a tema.

La storia è molto carina, semplice, in grado di affascinare il target giovane a cui si rivolge.

Blake Caldwalader, il protagonista della storia, è un bambino come tanti, a cui piace disegnare e fantasticare.
A distinguerlo dagli altri bambini, però, non c’è alcun superpotere o dote naturale, a differenza di quanto accade in moltissimi romanzi fantasy.
Anzi, a Blake manca un braccio, da quando gli è stato amputato a causa della meningite.

Continue reading →

Recensione “Il grande Vallo” su “1001 notti d’inchiostro”

Ed eccoci qui, dopo la pausa estiva, per riprendere le attività del blog.
Avrei potuto riaprire bottega a inizio settembre, ma ho preferito prendermi 2 settimane extra per produrre nuovi articoli, la cui uscita è pianificata nei prossimi mesi.

Oggi avrei voluto iniziare con un post di analisi relativo ad alcune dinamiche di Instagram che coinvolgono gli autori emergenti, ma ho trovato nella casella mail una bellissima sorpresa: la recensione di Sara, bookblogger di “1001 notti d’inchiostro“.

Per chi non conoscesse il suo blog, vi consiglio caldamente di dargli una lettura: troverete un sacco di titoli interessanti, recensioni dettagliate e approfondite, pagine traboccanti di passione per la lettura… Insomma, un approdo sicuro per chiunque sia alla ricerca di buone letture e ottime recensioni.

Lascio quindi la parola a lei, grazie Sara!

“L’erede di Ethel – Il grande Vallo” recensione su “1001 notti d’inchiostro”

Il grido della rosa – Alice Basso

Amo lo stile frizzante di Alice Basso e aspettavo questo romanzo con impazienza.
Quando si desidera ardentemente mettere le mani su un nuovo libro, in genere è facile rimanere delusi e non vedere soddisfatte le proprie (altissime) aspettative.

In questo caso, invece, Alice Basso ci regala una storia ricca di colpi di scena e intrighi, come sempre espressi con il suo stile originale, leggero e divertente.

Continue reading →