Dove il mondo finisce – Lorenzo Franchini

“Dove il mondo finisce” è un reportage di viaggio che narra l’impresa compiuta da 23 vespisti che, dopo essersi conosciuti online, sono partiti alla volta della Terra del Fuoco, lungo la Ruta 40.

Ho trovato molto interessante la prima parte, in cui vengono descritti i preparativi e le dinamiche di gruppo che già avevano iniziato a formarsi prima della partenza.
È stata un’ottima idea quella di inserire nel testo scambi di mail e stralci di conversazioni.

Continue reading →

Cronache di un gatto viaggiatore – Hiro Arikawa

Questo romanzo è un piccolo capolavoro.
Si prende i suoi tempi, presenta i personaggi e il loro vissuto senza fretta, alternando il punto di vista di Nana, il gatto protagonista, con un narratore onnisciente, senza mai dilungarsi in scene inutili.

Le descrizioni sono vivide e accurate, i personaggi che entrano a far parte della vita del protagonista, nonostante vengano tratteggiati in una manciata di pagine, sono descritti in modo così attento e profondo che, alla fine, sono giunta a considerarli vecchi amici.

Un romanzo che parla di gatti, ma non solo.

Continue reading →

Marocco (seconda parte)

P1040276Negli ultimi giorni sono stata impegnata con la stesura di alcuni capitoli impegnativi di LEDE e con la scrittura di un racconto che, se riterrò essere almeno al livello della decenza, presenterò a un concorso.
Per queste ragioni, la seconda parte del reportage del mio viaggio in Marocco si è fatta un po’ attendere ma, alla fine, eccola qui. Continue reading →

Marocco (prima parte)

P1040066Scrivo questo articolo di ritorno dal Marocco, dopo una settimana trascorsa tra villaggi desertici, dune di sabbia e montagne brulle, insieme a un gruppo di viaggio composto da 12 persone e da Khalid, la nostra guida.

Ho prenotato presso Caesar Tour, una piccola agenzia di viaggi con una sede a Milano, in zona Porta Romana, che mi ha assegnata a Kuda Tour, il mio tour operator, di cui sono pienamente soddisfatta.

Nonostante tutti gli infausti pronostici che ho sentito da maggio (mese della prenotazione) fino al 25 agosto (giorno della partenza), non sono morta di caldo, non ho avuto un collasso sotto al sole, non mi sono ustionata, non sono stata rapita dal terrorismo islamico, non sono stata venduta per 10.000 cammelli, non sono stata divorata da un serpente, né punta da uno scorpione e non mi sono schiantata di faccia sulla testa di un dromedario.

Un successone, insomma, che mi ha consentito di tornare viva e in grado di scrivere questo reportage. Continue reading →

Toscana (seconda parte)

montepulcianoQuesta seconda parte è stata più complessa della prima da scrivere perché, oltre ai luoghi, volevo rendere giustizia alle persone che abbiamo conosciuto in questo viaggio.
Spero di esserci riuscita almeno un pochino.

Continue reading →

Toscana (prima parte)

copertinap1Per quest’estate volevo una vacanza tranquilla che non richiedesse troppe ore di guida e che mi consentisse di rilassarmi.
Alla fine, son tornata contenta e rilassata, mentre non credo di poter dire di aver mantenuto appieno il proposito dei “pochi chilometri”.
Intendiamoci, ho fatto viaggi in auto molto più lunghi, ma non ero io l’autista e, per quanto mi piaccia guidare e abbia un navigatore a disposizione, viaggiare su strade che non conosco mi crea sempre un po’ d’ansia. Continue reading →

Norvegia

4Mattina_Geiranger (2)Nonostante molte parti di questo articolo fossero già scritte e solo da revisionare (quando torno da un viaggio scrivo sempre dei reportage a uso personale), ho lavorato a questo articolo per più di due mesi, tanto che più di una volta ho temuto che non avrebbe mai visto la luce. Invece, a quanto pare, ce l’ho fatta.
Come ormai sa chi mi segue da un po’, in LEDE, il romanzo fantasy che sto scrivendo, si ritrovano tracce di luoghi realmente esistenti che per me sono stati fonte di ispirazione e meraviglia.
Uno di questi è la Norvegia, in cui sono andata nel mese di agosto 2012 con modalità fly&drive. Continue reading →

Lapponia finlandese (seconda parte)

P1100970Al terzo giorno, dopo un giorno di viaggio e una giornata di escursione in motoslitta, ho temuto che non sarei riuscita ad alzarmi dal letto. Stavo accusando i sintomi del freddo (nel frattempo la temperatura era scesa a -20°C) e delle troppe ore di buio. Mi sono occorse tre sveglie per trovare il coraggio di mettermi almeno seduta sul materasso.
Dopo ben 45 minuti di vestizione mattutina, sono uscita per Continue reading →

Lapponia finlandese (prima parte)

P1100848In quest’ultima settimana sono stata lontana dalla blogosfera, o meglio, sono stata lontana dall’Italia e di conseguenza dalla blogosfera, dal momento che non mi piace commentare o rispondere dal cellulare.
Tempo fa, in risposta a un commento di Mary Mayflower, avevo annunciato la nascita di una nuova sezione e così oggi colgo l’occasione per inaugurarla.
Viaggiare mi permette di conoscere luoghi e persone differenti, con usanze magari anche opposte alle mie, che lasciano una traccia dentro di me. Quando si tratta di descrivere l’ambientazione Continue reading →